Quanto dura l’ovulazione? Come calcolare il periodo fertile

Sapere quanto dura l’ovulazione permette di conoscere il periodo fertile di una donna. Di conseguenza, è anche possibile scoprire qual è il momento migliore per rimanere incinta. Avere una risposta a questa domanda può essere molto utile. Soprattutto per coloro che preferiscono fare dei programmi nella propria vita, evitando invece che l’arrivo di un figlio si verifichi in un periodo inaspettato. Prima di informarsi sulle tempistiche però, è opportuno imparare anche a riconoscere l’ovulazione, per capire meglio di cosa si tratta.

Che cosa si intende per ovulazione

L’ovulazione si verifica quando il follicolo, ormai maturo, rilascia l’ovocita. Quest’ultimo scende nelle tube ed è pronto per la fecondazione. A questo punto, se l’ovocita incontra lo spermatozoo e viene fecondato, la donna può rimanere incinta.

La maturazione del follicolo è determinata dall’ormone LH. Quando l’ormone raggiunge un picco, il follicolo si rompe e permette la fuoriuscita dell’ovocita. Ma dove va quest’ultimo? L’ ovocita inizia il suo prezioso percorso, che lo conduce dall’ovaio fino alla tuba.

Quanto dura l’ovulazione e quando si verifica

In un ciclo mestruale regolare, l’ovulazione si verifica 14 giorni prima che inizi la mestruazione successiva. Quindi, se il ciclo segue la norma e dura 28 giorni, l’ovulazione si presenta nel quattordicesimo giorno

Esistono però numerosi casi in cui le mestruazioni non si verificano con una tempistica regolare. Da un lato, si tratta di casi del tutto normali, oppure questo può succedere quando la donna si trova a vivere periodi di particolare stress psico-fisico. Secondo tali circostanze, il ciclo può durare anche 27 o 30 giorni. Di conseguenza, l’ovulazione non avverrà più il 14esimo giorno bensì tra il 13esimo e il 16esimo giorno.

L’ovulazione dura in tutto 24 ore. Occorre però sapere che una donna è feconda già 3-4 giorni prima che si verifichi l’ovulazione. Infatti la cervice uterina è in grado di produrre un muco che ha lo scopo di favorire la sopravvivenza degli spermatozoi.

Quali sono i sintomi dell’ovulazione?

Una donna può capire quando avviene l’ovulazione perché si verificano alcuni sintomi. In genere, si tratta di sintomi che non provocano alcun fastidio. L’evidenza più chiara dell’ovulazione si ha nei giorni che la precedono. Infatti, nei ¾ giorni precedenti, il muco cervicale risulta più evidente. Non appena avviene l’ovulazione invece, il muco cambia e diventa più bianco e più spesso.

In alcuni casi, un altro segnale dell’ovulazione potrebbe essere un lieve dolore al basso ventre. Più esattamente in corrispondenza dell’ovaia, in cui sta avvenendo il rilascio dell’ovocita.

Si può aggiungere poi un’altra condizione, molto soggettiva ma comunque ampiamente diffusa. Durante il periodo dell’ovulazione, la donna aumenta generalmente il proprio desiderio sessuale e tende anche a sentirsi più attraente e femminile.

Come capire quando si è fertili

Una volta compreso quanto dura l’ovulazione, è possibile anche capire quando una donna è fertile e quindi ha maggiori probabilità di rimanere incinta.

L’osservazione del muco cervicale aiuta molto, poiché è rivelatrice delle condizioni interne dell’apparato genitale femminile. Quando il muco si mostra più trasparente, ovvero è nella sua situazione di picco, allora si può parlare di periodo fertile.

Per poter essere più precisi e riuscire a capire quale sia il momento migliore per l’arrivo della cicogna, la donna può fare l’analisi del ciclo mestruale. E’ necessario creare un calendario in cui, per alcuni mesi, dovrai appuntare quale sia il primo giorno dell’inizio del ciclo mestruale. In questo modo, puoi verificare se il tuo ciclo è regolare o meno e da lì, puoi calcolare quali sono i tuoi giorni fertili,
In commercio, esistono anche degli stick che consentono di conoscere il proprio periodo di fertilità. Tali stick vanno a rilevare la presenza ormonale nell’urina. In particolare, essi permettono di verificare la concentrazione dell’ormone LH. Va precisato però, che il risultato dello stick non garantisce sul fatto che sia stato prodotto l’uovo. In quanto, soprattutto in età non più giovanissima, possono verificarsi anche dei cicli senza ovulazione. Però ricorda anche che può verificarsi il caso in cui si hanno più di una ovulazione al mese.

Ti è piaciuto il nostro articolo? Condividilo 🙂

Lascia un commento

Leggi anche...