Si può mangiare il salmone affumicato in gravidanza? Ecco cosa devi sapere

Il salmone affumicato in gravidanza è sicuro per il feto? Cosa c’è da sapere? Con l’arrivo di un bambino, il regime alimentare deve seguire anche le esigenze del piccolo. Il salmone e il pesce affumicato in genere sono tra i cibi più controversi. Infatti, anche i medici sono divisi tra pro e contro. Scopriamo insieme quali sono e le risposte ai dubbi da chiarire.

Salmone affumicato: cos’è?

Il salmone è un pesce con diverse proprietà benefiche per la salute in genere. Appartiene al primo gruppo di alimenti importanti e vive soprattutto in mare. Risale verso i fiumi solo quando deve deporre le uova, poi i pesci appena nati vanno verso il mare.

Ce ne sono di diverse specie:

  • norvegese;
  • scozzese;
  • canadese;
  • orientale.

Questo è il motivo per cui si trova sempre sul mercato, ma con cotture diverse. Qui sorgono i dubbi tra gli esperti. Mangiare salmone crudo in gravidanza (come il sushi) può essere pericoloso, ma cosa fare in gravidanza di fronte al salmone affumicato o cotto in vari modi?

Salmone affumicato: i vantaggi nella dieta

Nella dieta di tutti i giorni, il salmone offre importanti benefici per l’organismo. Quali sono?

  • l’apporto di Omega 3, utile per la costruzione di occhi e cervello;
  • la vitamina D, che aiuta lo sviluppo delle ossa;
  • lo iodio, che permette di evitare problemi alla tiroide;
  • i carotenoidi e la vitamina A.

Allora, perché evitare il salmone affumicato nella propria dieta?

Salmone affumicato congelato in gravidanza: si può mangiare?

Gli esperti sconsigliano il salmone affumicato in qualsiasi circostanza e modalità di cottura perché ci sono alte concentrazioni di colesterolo e grassi saturi non buoni. In più, quello in scatola ha anche un’alta concentrazione di sale, che può sfavorire l’equilibrio della pressione. Quindi, il salmone affumicato non si può mangiare in gravidanza.

L’unico modo per assumerlo è avere la certezza che sia di allevamento (è indicato sulle confezioni) e cuocerlo a lungo. Una volta cotto, non si può più conservare. Le dosi devono essere ridotte.

Come si cucina il salmone in gravidanza?

Il salmone in gravidanza si dovrebbe evitare del tutto. Se vuoi assaggiarne comunque un pezzo, assicurati che la cottura sia davvero elevata e cerca di assumerlo il meno possibile durante il periodo di gestazione.

Non è detto, però, che devi rinunciare ad altri pesci, magari con tante ricette sfiziose.

Ho mangiato salmone affumicato in gravidanza: ci sono conseguenze?

Il salmone affumicato in gravidanza, assunto una sola volta sulla pizza o durante un pasto completo, non dovrebbe essere un problema, perché le concentrazioni sono davvero basse. Vale la pena, però, verificare le condizioni del feto. Infatti, il salmone crudo, cotto o affumicato, può contenere dei batteri che possono danneggiare il bambino. Quali sono questi batteri e quali malattie la neomamma trasmette al feto?

  • Toxoplasmosi. Si tratta di una malattia che si trasmette dalle cisti dell’animale o dalla verdura/frutta non lavata all’uomo. Il bambino si infetta attraverso la placenta. Il salmone può raramente diventarne portatore se si assume crudo o a una temperatura inferiore ai 70 gradi. Infatti, cotto a questa temperatura, il protozoo (il nome scientifico è: toxoplasma godii) che causa la malattia muore.
  • Listeriosi. Si sviluppa quando prolifera il batterio Listeria monocytogenes. Può causare l’aborto spontaneo del feto. Purtroppo, se si assume pesce affumicato in genere (quindi anche salmone) con altri elementi che invece sono cotti, si rischia una contaminazione incrociata, quindi il salmone affumicato è un problema in tal senso;
  • Salmonella. Succede quando il pesce non è cotto o preparato a dovere, sviluppando una intossicazione alimentare. Nel feto, questa malattia causa gravi danni;
  • Botulino. Influenza negativamente lo sviluppo del feto e si trova soprattutto nel cibo in scatola;
  • Anisakis. Si tratta di un verme che, nei casi più gravi, si elimina solo con l’asportazione chirurgica. Purtroppo, l’affumicatura non basta per eliminarlo del tutto.

Come sostituire il salmone nella dieta

Il salmone affumicato si può sostituire con pesci più sicuri. Quali sono?

  • sardina, 
  • sgombro, 
  • palamita, 
  • alici, 
  • alaccia, 
  • aguglia, 
  • lanzardo.

Per quanto riguarda i crostacei, si dovrebbero assumere in piccole quantità, perché possono diventare degli allergeni nel feto.

Ti è piaciuto il nostro articolo? Condividilo 🙂

Lascia un commento

Leggi anche...