Temperatura corporea neonati: cosa sapere e come misurare la febbre

Temperatura corporea neonati: qual è la temperatura ideale neonato e come si misura la febbre? Nella prima settimana di vita, il neonato stabilizza la temperatura corporea interna. Di base, la temperatura è di 37 gradi, ma oscilla rispetto al momento della giornata. Al mattino, si può partire dai 36,8 gradi, per poi arrivare a 37,2 la sera. Quando si parla di febbre?

Quando il bambino ha la febbre?

I pediatri ritengono che il bambino ha la febbre quando si supera la temperatura normale nei bambini, cioè con una temperatura di 37 gradi nei primi 3 mesi di vita. Dopo i tre mesi, prima di parlare di febbre, il pediatra aspetta una misurazione di 37,5 gradi.

C’è da preoccuparsi anche quando la temperatura resta a 37,5 gradi, ma il bambino mostra altri sintomi, come:

  • diarrea;
  • vomito;
  • nausea;
  • raffreddore;

e/o se la febbre continua dopo 24 ore dalla prima misurazione. I bambini piangono e alcuni hanno problemi di respirazione. 37,1 è febbre nei bambini? No. 

Temperatura corporea neonati: come si misura?

Ci sono diverse modalità per misurare la febbre di un neonato. Quali sono?

  • Temperatura corporea orecchio. Si misura con un termometro elettrico e si appoggia sul buchino dell’orecchio del piccolo, ma con molta delicatezza e avendo cura di non inserirlo all’interno dell’orecchio. Quando la temperatura è misurata, l’apparecchio suona.
  • Temperatura corporea bocca. Si dovrebbe evitare di misurare la temperatura così nei bambini molto piccoli, perché rischiano di ingoiare il termometro. Meglio puntare sull’ascella o con la modalità successiva.
  • Temperatura corporea rettale. In questo caso, ci sarà un aumento di mezzo grado sulla temperatura. Gli strumenti moderni si appoggiano per misurare la temperatura e non causano disagio al piccolo. Il termometro si disinfetta prima e dopo l’uso e si usa un lubrificante per aiutare il bambino. Le gambe si tengono divaricate come si fa per cambiare il pannolino.

La tecnologia viene in aiuto alle mamme, che possono usare termometri frontali o a infrarossi per ottenere una misurazione precisa, soprattutto quando il piccolo si muove molto. Dopo aver misurato la temperatura, non si danno mai medicinali al piccolo, ma si aspetta sempre il parere del pediatra.

Temperatura corporea neonati bassa: cosa fare?

Se il neonato presenta una temperatura inferiore ai 35 gradi, c’è davvero da preoccuparsi. Si deve capire se il piccolo ha freddo e, per prevenire, si possono fare dei bagnetti caldi (massimo 29 gradi). In caso di temperatura così bassa, si deve contattare subito il pediatra, per capire cosa sta succedendo. È importante verificare la presenza di altri sintomi, che possono rivelare cosa accade.

Temperatura nei bambini: stagione e prevenzione

Come per gli adulti, anche i neonati risentono del clima esterno. Se ci si trova in estate, il bambino dovrà essere idratato più spesso e avrà una temperatura che non potrà superare i 37,5 gradi.

Invece, in inverno, una temperatura di questo tipo può essere un primo campanello di allarme se ci sono altri sintomi. Per evitare un aumento di temperatura del piccolo (e conseguente rischio febbre), si deve vestirlo a strati prima di uscire ed evitare di portarlo in giro in caso di maltempo.

Ti è piaciuto il nostro articolo? Condividilo 🙂

Lascia un commento

Leggi anche...